Emigrante  (Nunzio Stasi)


Nu poveru Cristu senz'arte nè parte

ca mancu sapìa cu tince carte,

cci putìa fare cu busca lu pane?

L'unica cosa era emigrare.


La valice ttaccàta cu corde frazzùle

china de stracci, fraseddhe e cuddure,

cu qualche sordu ccucchiatu o 'mpristatu

cuminciava nu viaggiu de disperatu.


Susu allu trenu allu finestrinu 'nfacciatu

panzàva "paccatu, ci aggiu lassàtu!

ci sape quannu riesciu cu tornu

era meju cu eggia nu bruttu sognu".


Quannu fisçava lu capustazione

e lu trenu chianu cumanzàva 'se move

lu core sou quasi scoppiava,

la scritta "LECCE" se lluntanava.


Ancora 'nfacciatu mannàva saluti

a lli famigliari ca stavene muti

poi chianu chianu scìa 'se ssattàva

tannu na lacrima li scappava.


Panzannu, panzannu mentre viaggiava

riflettìa su lla sorte ca li tuccava

"comu sarà stu postu stranieru

nc'è certu lu pane, ma lu mare e lu mieru?"


Poi alla frontiera facennu controlli

vadìa de fore muntagne enormi

li doganieri, severi, de ronda

se santìa nu naufragu 'mbalìa de l'onda.


Infine rravàtu a destinazione,

la nive mmuntàta de santa ragione,

la gente cuntava e nu la capìa

"Ma arù me trovu, Madonna mia?"


Ssattàtu su llu lettu, la valice a nu latu

panzàva: "Quasi, quasi ieu mancu l'apru;

crammàne me 'nformu, tornu a lli posti nosci,

su' meju picca pane e picca patarnosci".


Ma riflettennu bonu su fiji e povertà

comu li putìa dare pane e dignità?

De fronte a quista idea turnava alla ragione:

"Pacienzia, a mie tocca, la fazzu sta stagione".



Emigrante

Un povero Cristo senz'arte nè parte/che neppure sapeva tingere carte/che poteva fare per guadagnarsi il pane?/l'unica cosa era emigrare./La valigia legata con corda speciale/piena di stracci, friselle e taralli/con qualche soldo messo da parte o imprestato/cominciava un viaggio da disperato./Sul treno al finestrino affacciato/pensava "peccato, cosa ho lasciato? Chissà quando mi riesce il ritorno/sarebbe meglio che fosse un brutto sogno./Quando fischiava il capostazione/e il treno piano cominciava a muoversi/il cuore suo quasi scoppiava/la scritta "LECCE" si allontanava./Ancora affacciato mandava saluti/ai familiari che stavano muti/poi piano piano andava a sedersi/allora una lacrima gli scappava./Pensando, pensando mentre viaggiava/rifletteva sulla sorte che gli toccava/"Come sarà questo posto straniero/c'è certo il pane, ma il mare e il vino?/Poi alla frontiera facendo controlli/vedeva fuori montagne enormi/i doganieri, severi, di ronda/si sentiva un naufrago in balia dell'onda./Infine arrivato a destinazione/la neve montata di santa ragione/la gente parlava e non la capiva/"Ma dove mi trovo, Madonna mia?"/Seduto sul letto, la valigia in un lato/pensava:"Quasi, quasi io neppure l'apro;/domani mi informo, torno ai posti nostri/son meglio poco pane e pochi padrenostri"./Ma riflettendo bene su figli e povertà/come poteva dar loro pane e dignità?/Di fronte a questa idea tornava alla ragione/"Pazienza, a me tocca, la faccio questa stagione".