Perle del Salento © 2013 | Disclaimer

lu sule, lu mare, lu vientu

Espressioni dialettali

tratte dalla Grammatica del dialetto leccese di Antonio Garrisi


Espressioni augurali più caratteristiche del nostro dialetto

a) fauste:
Cu ccampi cent 'anni (possa tu vivere cento anni)
Centu de sti giurni (cento di questi giorni)
Crisci santu, sciuscettu! (cresci santo, figlioccio)
Benedica! (benedica e provveda il Signore)
Sorta ranne (grande fortuna)
Auguri e ffiji masculi (auguri e figli maschi)
Santu Martinu! (S. Martino faccia crescere il prodotto)
Lu Signore cu tte bunna (il Signore provveda a te in abbondanza)

b) infauste:
Armenu hai sçattare (possa tu almeno scoppiare)
Sçatta e crepa! (scoppia e crepa!)
Pozzi murire mpisu (possa tu morire impiccato)
Butta lu sangu (ti colga un'emottisi)
Caca lu sangu (ti colpisca una dissenteria)
Cu tte vegna coccia (che ti venga un'emorragia)
Corpu tte zzicca (che ti colga un ictus cerebrale)
Pijala a nculu (prendila nel didietro, ben ci sta)
...lu male de Santu Dunatu (ti venga un attacco epilettico)
Cu mmori moi moi (che tu muoia all’istante)
Nfucate cu nnu vuccune (muori soffocato mentre mangi)
Armenu t’hai spazzare l'anche (spezzati almeno le gambe)
Rumpete li corne (rompiti le corna)
Cu tte vegna lu tremulizzu (che ti venga un grande tremore)
Tte vegna nnu cancaru (che ti venga un tumore)
Armenu hai rraggiare (ti auguro di diventare idrofobo)
Alla lamosana t'aggiu badire (ti vedrò chiedere l'elemosina)

Giuramenti più comunemente usati

Cu mme vidi mortu ci... (che tu mi veda morto se...)
Cu ccecu! (che io diventi cieco!)
Cu sçoppu nterra, moi moi! (che stramazzi a terra, all'istante!)
Cu sprufunnu sutta terra (che io sprofondi nell'abisso)
Cu mme ne cascia la lingua (che mi caschi la lingua)
Cu mme stoccu nn'anca (che mi si spezzi una gamba)
Mme casciane li mani (mi caschino le mani)
Mme pozza runciaddare la lingua (mi si possa rattrappire la lingua)
Mme vegna lu torcicoddu (che mi venga il torcicollo)
Giuru su li morti mei (giuro sui miei cari defunti)
Giuru nfacce Diu (giuro alla presenza di Dio)
Giuru susu a ll'osse de sirma (giuro sulle ossa di mio padre)
Quantu e' veru Diu (quanto è vero Dio)
Santa Lucia mme fazza ciacare! (Santa Lucia mi faccia diventare cieco!)

Termini ingiuriosi e offensivi (li nzurti)

anchitorta, persona che ha le gambe visibilmente arcuate e storte; persona claudicante;
ateu, miscredente e anticlericale;
cacafave, persona dappoco, tapino;
cacarone, uomo pauroso che se la fa addosso;
cachellu, millantatore che non vale un pelo, uomo dappoco;
caggianedda, ragazza cui piace mettersi in mostra, civettuola;
capi-de-canija, persona ignorante, che nel cranio ha crusca;
capi-de-cazzu, testa di cazzo, persona stupida;
capi-de-cistune, testone vuoto e ottuso;
capi-de-trozzala, testardo, duro di comprendonio;
capusteddu, genericamente, chi abita a sud di Lecce, di modi rozzi e incivili rispetto a quelli del cittadino leccese;
caremma, vecchia emaciata col viso arcigno;
catafarcu, vecchio decrepito;
cataprasimu, persona fastidiosa e insopportabile;
cernivientu, perdigiorno, scioperato, incapace e inconcludente;
chiancimorti, piagnucolone, uno che grida i suoi lamenti;
ciciarra, donna ciarliera e pettegola;
ciucciu, persona incapace e ignorante;
crapazzoppa, donna caparbia, infida e maligna;
cuccuvascia, una che ha viso appiattito e naso adunco, dunque brutta d'aspetto;
cujune, balordo, minchione;
culignu, sospettato di tendenze omosessuali, pederasta passivo;
culiruttu, si dice di uno che è antipaticamente fortunato;
culistrintu, avaraccio, tanto da voler risparmiare persino sulle neces­sità fisiologiche impellenti;
culi-de-farsura, donna dal sedere tondeggiante ma sciupato e poco estetico;
culummu, persona pigra e indolente;
curciperta, donna sempre disposta a darsi a chiunque;
curnacchia, donna linguacciuta e malevola;
curnutu, uomo tradito dalla propria donna, poco stimato;
designatu de Diu, segnato da difetto fisico o mentale o morale;
facci-de-cciommi, uomo dalla faccia di barbagianni, dal viso grifagno;
facci-de-cazzu, uomo strampalato, in cerca di non si sa che cosa;
facci-de-mpisu, faccia da impiccato, pendaglio da forca;
facci-de-mulu, testardo sfrontato;
fessa, balordo che commette sciocchezze, imbecille che si fa abbindolare;
fioccula, grassona con le braccia divaricate, che incede a passettini;
fitusu, puzzone, persona sgradevole;
fimmanedda, giovincello ritroso con tendenze femminee;
frabbulista, chiacchierone, spacciatore di frottole;
fracitu, flaccido, svigorito;
futtinculu, imbroglione truffatore, lusingatore;
lassemestare, persona permalosa;
longu e ffessa, allampanato ma sciocco e inconcludente;
linguilonga, persona linguacciuta e maldicente;
lliccaculu, lecchino smaccato;
maccabbeu, scemo, stupido, tanghero;
maccarrune, persona molle di carattere, smidollato;
malecarne, vagabondo lavativo;
malecore, persona perfida, di animo cattivo;
manzaru, individuo ostinato, caparbio incallito e impenitente;
manzarune, uomo dalla testa dura e dai modi violenti;
menzabotta o menzacartuccia, individuo tracagnotto;
merula-de-macchia, donna arcigna e scostante per natura;
minchia, persona sempliciotta e credulona;
maledettu, individuo odioso, segno di grande disprezzo;
mmucatu, sporcaccione, scostumato;
mputrunutu, imbronciato, chiuso in uno sdegnato riserbo;
mucculone, sempliciotto che non sa badare a se stesso;
musi-de-porcu, dotato di labbra carnose e sporgenti;
nasi-de-cistareddu, dal naso adunco come quello del falco;
cignatu, ncicirignatu, malridotto, ubriaco fradicio;
ncrisciusu, pigrone cronico;
nfatisciutu, chi da buono e bravo è diventato disonesto e cattivo; spor­caccione, moralmente spregevole;
ngalanutu, dalla faccia giallastra, il colore dell'invidia, della gelosia e della cattiveria;
nnacitutu, aspro e stizzoso, scorbutico;
ntartaja, balbuziente, tartaglione;
pampasciune, persona stupida e incapace, balordo sprovveduto;
pappacola, bonaccione che ingoia tutto ciò che gli si dice;
papuscia, giovanetta bellina, vispa ed esibizionista;
passulune, uomo flaccido, smidollato;
pendaja, donna sciattona con le vesti penzolanti;
pedezzoppaca, sfaticato che sa trovare tante scuse per non andare a lavorare;
pezzanculu, pezzente con i calzoni rattoppati sul sedere;
piattola, individuo seccante, antipatico e fastidioso;
pedi-de-papara, persona dai piedi piatti o cavi;
piritosu, uno che scoreggia senza ritegno;
pizzafridda, uomo neghittoso, rammollito;
ppoppitu, cafone di provincia, incivile, zoticone;
prudiculu, ragazzo fastidiosamente irrequieto, discolaccio;
porcu, sporcaccione, turpe;
puttanieri, dongiovanni da strapazzo, insidiatore di donne;
ranonculu, persona bassa, grassa e goffa;
razza strazza, strappigna, famiglia di straccioni;
ricuttara, donnaccia, meretrice;
rramuddatu, rammollito, indolente e abulico;
rasanatu, deperito, macilento, intristito;
saccu vacante, individuo presuntuoso e vano, ambizioso ma fatuo;
scignafridda, persona rammollita e inefficiente;
sanguetta, scroccone, estorsore;
scalandrune, persona di statura alta e di corporatura dinoccolata;
scugnatu, sdentato;
scarufaterra, contadinaccio, zoticone, villanaccio;
scazzamurreddu, uomo basso e mingherlino;
sciabbica, sciabbicatu, persona sciatta e trasandata nel vestire e nel comportamento;
sciacqualattuche, incapace di eseguire un lavoro impegnativo;
lunaticu, di carattere volubile, che muta frequentemente umore;
scijatu, trasandato e lurido, sudicio;
scrascia, persona fastidiosa, della quale non si riesce a liberarsi;
scujatu, senza coglioni, debole, indolente;
sculatu, che non sa mantenere un segreto, che si lascia scappare qualsiasi confidenza riservata;
scuncignatu, scalcinato, non abituato all'ordine, arruffone;
scusciatatu, senza pensieri, imperturbabile e quasi apatico;
scursune surdu, sornione, furbacchione taciturno;
senzaminne, donna con scarsissimo seno, grave difetto per una 'carusa' in cerca di  'zitu';
senzachira, uomo ritenuto sessualmente impotente;
sicchennonni, persona sempre tentennante, che rimane tra il sì e il no e non sa decidersi;
spaccamuntagne, fanfarone smargiasso;
spaccime, spaccimusu, tipaccio losco;
sparpaja-passari, persona sregolata, che si dà da fare ma provoca solo disordine;
sperpacatu, bisbetico, oltremodo litigioso, attaccabrighe;
spertecune, spilungone emaciato;
spriculamiju, persona eccessivamente parsimoniosa;
spulisciatu, corrotto moralmente, depravato, pervertito;
spurchia, sfruttatore privo di scrupoli, parassita;
spurpanozzuli, persona incline a ricavare da un bene il maggiore utile possibile;
stangalòi persona alta ma non proporzionata e poco aggraziata;
sucateddu, gracile, macilento come se fosse stato succhiato;
tafanaddaru, furbacchione matricolato;
talornu, persona che procura impaccio e fastidio;
tantumergu, personaggio imponente ma ingombrante;
traja, individuo pesante e riottoso, infingardo;
trapularu, imbroglione che racconta fandonie;
urrusu, musone permaloso e bizzoso;
vastasi, insolente, sfacciato, privo di rispetto;
vastasignu, sfrontato come una scimmia, dispettoso impertinente;
vucchipertu, babbeo, scioccone;
zamparu, uomo dinoccolato e macilento, che incede con andatura incontrollata e disordinata;
zanzale, pernicioso, scocciatore e rompiscatole insopportabile, che porta alla esasperazione;
zucaru, individuo che immiserisce andando sempre più in basso nella propria condizione.