La Ntunietta  (Nunzio Stasi)


La Ntunietta, compìta e bona fija,

era vagnona de bona famija,

lu paese tuttu la vardava

quannu pe scire a missa iddha passava.


Nu giurnu nu carusu paisanu

a llu sire sou ciarcò la manu,

la notte la passò alla disciatata

cuntenta percè s’era fidanzata.


Ma lu Signore ha li disegni soi

e face puru chiru ca nu bboi,

perciò a ncelu ddh’anima ha chiamata

lassannu la Ntunietta sconsulata.


Lu core sou era tantu amareggiatu

ca mai a nn’ommu cchiù avìa panzatu,

ogni giurnu se ne scìa a llu cimiteru

truvannu picca picca de sollievu.


Ma lu diavulu se sape ca fatìa

le cose de la vita cu scumpìa,

perciò nci mise iddhu la cuda

pe nu cumpagnu a ddha vagnona sula.


Sconsulata e cu la curuna a manu

scìa pe lle Palàne recitannu lu rusariu,

quannu ffruntò nu beddhu giovanottu,

lu distinu, cusì se dice, è galeottu.


Se farmàra scanciannu doi palore

e, segnu ca centra puru lu Signore,

alla mpruvvisa nuvole a mantuni

e rravò l’acqua forte a capasuni.


A ddha nnanti nc’era giustu na pajara

perciò a nforza a ra intra se nfalàra,

e quannu vitte na lattèra de ristucciu

na strana idea li vinne a llu Vitucciu.


Lu focu cu la paja, quannu cumincia ffuma,

nu nci minte mutu cu se ddhuma,

cusì quannu lu chiempu ìa scampatu

iddhi lu fattu loru hannu spicciatu.


Insiemi se ne scira a campusantu

ma lu core chiù nu nn’era affrantu,

anzi a mpettu sou tanìa na bomba

mentre priàva ferma su lla tomba.


E a llu zitu rivolta li dicìa:

- Cridime Ntoni nu nn’è curpa mia,

m’aggiu truvata sula intra a llu feu,

lu stessu eri fattu tìe a llu postu meu! –


Lu Vitucciu, cu nu rimane rretu,

a llu Ntoni li disse quetu, quetu:

- Ohi Ntoni, frate, nu te ne curare,

tantu ormai tìe, cci te n’eri ffare? –


- Arù te trovi tìe nu nn’hai bisognu,

quiste su’ cose sulu de stu munnu,

godite lu Paradisu a santa pace

ca la Ntunietta tua sape cci face. –


E’ veru, Ntoni, chiru ca se dice,

mmara a ciunca more, l’infelice,

ca ci rimane mprimu se cunzola

otru ca dicìa:”Me fazzu suora”!


L'Antonietta

L’Antonietta, compita e buona figlia,/ era ragazza di buona famiglia,/ il paese tutto la guardava/ quando per andare a messa ella passava./ Un giorno un ragazzo paesano/ al padre suo chiese la mano,/ la notte la passò sveglia/ contenta perché s’era fidanzata./ Ma il Signore ha i disegni suoi/ e fa pure ciò che non vuoi,/ perciò in cielo quell’anima ha chiamata/ lasciando l’Antonietta sconsolata./ Il cuore suo era tanto amareggiato/ che mai ad un uomo più avrebbe pensato,/ ogni giorno se ne andava al cimitero/ trovando poco poco di sollievo./ Ma il diavolo si sa che lavora/ le cose della vita per scompigliare,/ perciò ci mise lui la coda/ per un compagna a quella ragazza sola./ Sconsolata con la corona in mano/ andava per le Palàne recitando il rosario,/ quando incontrò un bel giovanotto,/ il destino, così si dice, è galeotto./ Si fermarono scambiando due parole/ e, segno che centra pure il Signore,/ all’improvviso nuvole a mucchi/ e arrivò l’acqua forte a catinelle./ Lì vicino c’era giusto una pajara (trullo tipico del posto)/ perciò per forza là dentro s’infilarono,/ e quando vidde un giaciglio di paglia/ una strana idea venne a Vituccio./ Il fuoco con la paglia, quando comincia a fumare,/ non ci mette molto ad accendersi,/ così quando il tempo s’era rasserenato/ i fatti loro avevano finito./ Insieme se ne andarono al camposanto/ ma il cuore più non era affranto,/ anzi in petto suo aveva una bomba/ mentre pregava ferma sulla tomba./ E al fidanzato rivolta gli diceva:/ - Credimi Antonio non è colpa mia,/ mi sono trovata sola dentro al feudo,/ lo stesso avresti fatto tu al posto mio! - / Vituccio, per non rimanere indietro,/ ad Antonio gli disse quieto, quieto:/ - Ohi Antonio, fratello, non te ne curare,/ tanto ormai tu, che te ne devi fare? - / - Dove ti trovi tu non hai bisogno,/ queste son cose solo di questo mondo,/ goditi il Paradiso in santa pace/ che l’Antonietta tua sa cosa fare. - / E’ vero Antonio, ciò che si dice,/ peggio per chi muore, l’infelice,/ che chi rimane presto si consola/ altro che diceva “Mi faccio suora”!