Perle del Salento © 2013 | Disclaimer

lu sule, lu mare, lu vientu

Mari e città

Il Salento, con la sua forma allungata, si insinua tra due dei mari più belli dell'intero bacino del Mediterraneo: lo Ionio, che con il Golfo di Taranto, lambisce la costa occidentale, prevalentemente bassa e caratterizzata da un'armoniosa alternanza di scogliere e grandi spiagge, e l'Adriatico che lambisce la costa orientale, ricca di strette insenature, grotte marine e, spesso, caratterizzata da alte scogliere a picco sul mare.

Le strette insenature e le alte scogliere sono il paesaggio che si incontra risalendo da Leuca a Otranto. Solo più a nord la costa ridiventa piatta e sabbiosa, con enormi spiagge, meta ambita di turisti e bagnanti.


Incastonate sulle rive di questi mari sorgono cittadine bellissime che vantano una storia millenaria; sicuramente le più conosciute per la storia e per la bellezza dei luoghi sono Otranto che, per secoli, ha dato il nome alla provincia, Castro, più a sud, una vera e propria roccaforte posta a difesa delle nostre coste, Leuca, la cittadina più a sud di Puglia ed, infine, Gallipoli, perla dello Ionio, vera e propria città fortezza, il cui nucleo antico sorge, con tutto il castello, su di un'isola collegata alla terraferma da un ponte.


Da Finibus Terrae, che si erge come una sentinella sul promontorio Japigio, alla leggendaria "Centopietre", di costruzione megalitica a forma di piccolo tempio, testimonianza da molti ritenuta Messapica, in Patù, o al castello del XV secolo di Salve, alle facciate dei bei palazzi rinascimentali ed i prospetti delle chiese di Alessano, si giunge a Tricase, dove si erge maestosa e sublime la Quercia Vallonea, detta dei "Cento Cavalieri", vero dolmen vivente ed unico esemplare, nella sua specie, in tutto il bacino del Mediterraneo.