Mèliso  (Nunzio Stasi)


Maestoso Mèliso, già inerme pastore

risultato di un grande miracolo d’amore

da millenni intento a dividere i mari

Adriatico e Jonio tanto a noi cari.


Il tuo nome era di piccolo insetto

il tuo corpo invece bello e perfetto

la tua vita umile, sempre sognata,

alla tua bella Aristula l’hai sacrificata.


A Leucàsia e ai suoi canti hai resistito

melodie e lusinghe non ti hanno irretito

la perfida invidia della sirena immorale

a te e alla tua amata è stata fatale.


Hai visto passare S. Pietro ed Enea

Giasone inseguito dalla crudele Medèa,

galee di eroi greci e turchi pirati

a Lione diretti i famosi due frati.


Continui sempre sul mare a vegliare

e col tuo faro le navi a guidare,

con gli elementi sei in grande armonia

la Madonna di Leuca ti fa compagnia.