Pajare  (Nunzio Stasi)


Quante pajare bbannunate fore,

quannu le vidi te chiance lu core,

li vecchi nosci s'hannu spazzatu lu cutùrsu

pe la gente de moi nu bàlene nu tursu.


Nci nn'è mute ca suntu scarràte,

otre invece de l'erbacce su' invase

l'incuria de l'ommu è colpa grave

lu Comune era ura cu cumincia a espropriare.


Gente cusì nu merita vantu

quisti su' beni ca vàlene tantu,

vardàmu otri populi comu li cura

li monumenti de la natura.


Comu fiuri tennu città e campagne

sia in pianura ca su lle montagne,

qua invece tuttu è trascuratu e bruttu

e nui ne ssimu cu nu "cci me ne futtu!"


Vulìti n'esempiu? La turre de Leviche

suntu tant'anni ca sentu prediche,

nc'era puru nu turriune a lu Marchieddu

moi mancu la foto se trova, pareddhu!


E ieu, vistu ca ciuveddhi se move,

chiedu a mie stessu: ci sto susu Giove?

Quista è na preghiera pe le autorità

"Facìti qualcosa, per carità".


Pajare

Quante pajare abbandonate in campagna/quando le vedi ti piange il cuore/i nostri vecchi si sono spezzati la schiena/per la gente di adesso non valgono un torso./Ce ne sono molte che sono franate/altre invece dalle erbacce sono invase/l'incuria dell'uomo è colpa grave/il Comune sarebbe ora che cominciasse a espropriare./Gente così non merita vanto/questi son beni che valgono tanto/guardiamo altri popoli come li curano/i monumenti della natura./Come fiori tengono città e campagne/sia in pianura che sulle montagne/qua invece tutto è trascurato e brutto/e noi ce ne usciamo con un "che me ne fotto!"/Volete un esempio? La torre di Leuca/sono tanti anni che sento prediche/c'era pure un torrione al Marchiello/ora neppure la foto si trova, poverello!/Ed io, visto che nessuno si muove/chiedo a me stesso: sto su Giove?/Questa è una preghiera per le autorità/"Fate qualcosa, per carità".