Perle del Salento © 2013 | Disclaimer

lu sule, lu mare, lu vientu

Proverbi salentini

Una selezione di oltre 400 proverbi salentini, curata da Nunzio Stasi. Eventuali segnalazioni sono ben accette!


A san Benedettu (21 marzo) ogni rannanedda è sutta a llu tettu;

A settembre acqua e luna su’ de li funci la furtuna.

A settembre o ne porta li ponti o sicca li fonti.

Acqua e scelu nu restene an cielu.

Aprile, mo chiance e mo ride.

La muttura nu nne inchie sterne.

Mercudia intra, samana fore.

Sciannaru siccu massaru riccu, ma s’è mutu siccu te vinni l’aratru cu lu paricchiu.

Ventre china cerca riposu.

A casa brusciata, minti focu.

A chiru ca vidi picca cridi, a chiru ca senti nu cridere nenti.

A ci nasce disgraziatu li chiove nculu puru ssattatu.

A cojuru  d’otri, curiscia larga.

A dicembre vientu e scelu , a marzu sule a ncielu.        

A llu chiempu de la ccota nu se pensa a mamma morta.

A maggiu pruvìdite de asçhe e foraggiu.

A mare vantatu nu scire pascannu.

A mmanu a Borbone nc’era ordine e dducazione.

A Natale friddu cordiale.

A ottobre intra alla cantina de la sira alla matìna.

A san Bernardinu (20 maggio) fiurisce lu linu.

A San Cataldu (10 maggio) esse lu friddu e trase lu caldu.