Perle del Salento © 2013 | Disclaimer

lu sule, lu mare, lu vientu

Proverbi salentini

Pe San Sebastianu (20 gennaio)  nn'ura de cchiù abbiamu.

Pe San Valentinu (14 febbraio) la primavera sta vicinu.

Pe santa Catarina se mbianca la pampana e puru la spina.

Pe santa Caterina o acqua, o nive o brina.

Pe Santa Croce (14 settembre) pane e noce.

Pe santa Lucia focu e cumpagnìa.

Pe Santa Rita (22 maggio) ogni rosa è fiurita.  

Pe Sant'Anna (26 luglio) trase l'anima a lla castagna.

Per Santa Catarina (25 novembre) la nive se vvicina.

Per Santu Simone (28 ottobre) la nespala se ripone.

Pisa cchiù nu chilu ‘n culu ca nu quintale susu a lle spadde.

Punente, tramuntana se sente.

Quannu bbrile minte lu musu focu ddumatu e purtune chiusu.

Quannu bbrile trona e chiove porta sempre bone nove.

Quannu canta la cicala, fuci fuci alla culummara; quannu canta lu cicalune, fuci fuci allu ciappune.

Quannu chiove cu llu solleone lassa le vulìe allu padrone.

Quannu chiove de santa Bibiana (2 dicembre) chiove nu mese e na  samàna.

Quannu chiove de Santu Vitu (15 giugno), lu raccolto de l'ua è fallitu.

Quannu chiove e esse lu sule se mmuùtene li signure.

Quannu fiata de grecale né ceddhi a ‘nterra né pisci a mare.

Quannu fisçhene le giole è segnu ca volene acqua.

Quannu la caddhina canta e lu caddhu tace a casa nun c'è pace.  

Quannu la sorta nu 'te vole, è inutile ca la secuti.

Quannu la vurpe nu rria all'ua, dice ca è mmara.