Perle del Salento © 2013 | Disclaimer

lu sule, lu mare, lu vientu

Proverbi salentini

Sàbutu barune nu po’ stare senza sule, dumìnaca barunessa nu po’ stare senza Messa!

Saccu vacànte nu sse mmantène tisu.

San Giuvanni sucu a ll'ua dalli.

San Giuvanni, bascia li calori, c’hannu banire li nosci metitori.

San Paulu chiaru, paja e ranu.  

San Vicenzu (5 aprile) gran friddura, santu Larenzu (10 agosto) gran calura: ma una e l’otra picca dura.

Sant'Antoni barba vianca, se nu nivaca picca  manca.

Santu Larenzu de la gran calùra, picca dura.                  

Sape cchiù lu ciucciu a casa sua ca lu mesciu a casa de l'otri.

Sbaju de dottore nu fface rumore.

Scelu viancu sciroccu a campu.

Sciannaru siccu massaru riccu.

Sciannaru ssuttu ranu dappertuttu.

Se a San Giacumu (25 luglio) sciamu muddhati, de lu mieru simu privati.

Se agostu giostra,  ua e fiche su’ la furtuna noscia.

Se chiove de l'Ascensione ogni cosa va in perdizione.

Se chiove pe Sant'Anna l'acqua daventa manna.

Se de ottobre chiove e trona la nvernata sarà bona.

Se de San Giorgiu (23 aprile) l’acqua rrìa de fiche è caristìa.

Se lu delfinu face festa, sta ci rrìa la tempesta.

Se lu scirocco ride è fessa ci lu cride.

Se manci sulu te nfuchi.  

Se masciu è scuru lu pane è sicuru.