Riflettennu  (Nunzio Stasi)


L'otru giurnu a rretu a lla purgissione

tra mie e mie facìa na riflessione:

l'ommu se sente ca è nu Padreternu

e paura nu tene mancu de lu 'nfernu.


Succede quannu è giovane e tene sordi, lu cretinu,

ca la salute nc'è e nu vene minu;

penza ca de la legge se ne po' fregare

"Tantu a stu munnu tuttu se po' ccattare".


Ci nu prublema rrìa 'mpruvvisamente

cu cede lu passu a notru nu se sente

perciò, senza panzàre, parte sparatu

tutti li sordi soi li futte l'avvocatu.


Quista è gente china de superba

ca è la radice de tutta sta malerba,

hannu rrubbatu cciunca hannu truvatu

lu sordu certu nu se lu su' sudatu.


Fannu li saputi e li scienziati

se vàntene ca nu suntu cumannàti

èrene ssapìre ca su' palore vane,

lu saccu vacante tisu nu nci stane.


Ci nu ristianu nu s'hane 'ntisu bonu

nu l'hannu cradutu e s'hannu datu tonu,

ma appena picca picca la sfurtuna l'ha tuccati

iddhi su' davantati martiri e malati.


Basta cu vai quarche vota a llu spedale

e ne vidi tante cose ca fannu male!

Le cursìe stannu chine puru de putenti

ca la loru sorte l'ha ridotti a nenti.


Perciò su sta terra ìmu ssapìre stare

chiru ca cunta è comu t'hai cumpurtare,

potenza e vanaglorie, puru ca su' mute

nu vàlene chiu de n'ugna de salute.


Riflettendo

L'altro giorno dietro alla processione/tra me e me facevo una riflessione:/l'uomo si sente di essere un Padreterno/e paura non ha neppure dell'inferno./Succede quando è giovane ed ha soldi, il cretino/perché la salute c'è e non viene meno,/pensa che della legge se ne può fregare/"Tanto a questo mondo tutto si può comprare"./Se un problema arriva improvvisamente/di cedere il passo ad un altro non se la sente/perciò, senza pensare, parte sparato/tutti i soldi suoi li frega l'avvocato./Questa è gente piena di superbia/che è la radice di tutta questa malerba,/hanno rubato ciò che hanno trovato/il soldo certo non se lo sono sudato./Fanno i saputi e gli scienziati/si vantano di non essere comandati/dovrebbero sapere che sono parole vane,/il sacco vuoto in piedi non ci sta./Se una persona non si è sentita bene/non l'hanno creduta e si sono dati tono/ma appena poco poco la sfortuna li ha toccati/loro sono diventati martiri e malati./Basta andare qualche volta in ospedale/e si vedono tante cose che fanno male!/Le corsie sono piene pure di potenti/che la loro sorte ha ridotto a niente./Perciò su questa terra dobbiamo sapere stare/ciò che conta è come ti devi comportare/potenza e vanaglorie, pure se sono tante/non valgono più di un'unghia di salute.