Serate estive  (Nunzio Stasi)


Che nostalgia, ddhe sire de l’estate

ca, vagnone, cu l’amici aggiu passate,

a nnanti a lu mulinu sattati nterra

cu li maluni sciucannu a lla guerra.


La purpa meju meju ne manciavene

le scorze, nvece, nfacce ne manavene,

a nfine, a menzu a tutta ddha marmaja,

lu postu parìa nu campu de battaja.


Cu l’aria frisca e cu na beddha luna

ssìa lu discorsu su lla bionda e su lla bruna,

una era mutu bona ma grandese,

nn’otra chiù terra terra ma curtese.


“La fija de lu tale va a lla mescia

ma confidenza propiu nu nne moscia,

passa sempre de la cuscupiana

forse è meju ci usi na ruffiana.”


“Ci voi llu manni a dire a la Rossana

cunviene cu lla fermi a lla funtana,

la Rita cu la corriera va a lla scola

certu ddhai li poi dire na palora.”


“Ancorti vagnoni, ca aggiu ntisa voce

ca a lla Ntunietta de sutta a lla croce,

sirza, ca qualche cosa avìa nnasçatu,

pare ca l’ha pijata cu llu scurisciatu.”


“Nc’è nna carusa intra a Sarignanu

ca move li fianchi comu spiche de ranu,

ci la vadìti lu sangu nu scurre,

hane abitare a nnanti a lla turre.”


“E chira de Leviche ca su llu Puntìle

va nnanti rretu cu se face bbadire?

gira nu picca, se mina a mare

poi se ne nn’esse nchianannu li scale.


Sempre manata sta susu a lla rena

se atteggia propiu a na sirena,

lu costume de bagnu ca è già striminzitu

se lu scinne cchiù sutta de lu vuddicu.


Poi cu la scusa ca lu sule ha pijare

facci sutta se vane a sdraiare,

lu pezzu de susu se lleva poi puru

ogni tantu se ccommita muvennu lu culu.”


“Secunnu vui, facennu sti mosse,

nu nn’è ca tene prublemi de osse?

macari lu medicu ca l’ha visitata

la sculiosi a lla culonna l’hane truvata!”


“Oh, povuru fessa, nu nn’ha capitu

ca chira va ncerca sse trova lu zitu;

quannu na fìmmana sempre se mposa

va cchiannu lu minchia ca se la sposa!”


“Si, mo’ ha cuntatu lu dongiovanni,

nn’ha fatte tante intra a quist’anni,

quanta sparenzia hai ccumulatu

sempre rimastu si’, … bidunatu.”


“Senti ci cunta, si’ ncora ancialeddhu,

chire su’ furbe, cci te cridi, beddhu?

ca perdene chiempu tantu pe ffare?

cciunca sta cerchene l’hannu truvare!”


“Mmeh, sempre de fìmmene ìmu cuntare?

sciamene ccasa, ca ncora ìmu manciare,

menu male ca crai nu m’hannu interrogare

se no, mo’ ci tornu, ìa puru studiare.


Santìti, crai a marisciu ttorna qua ne truvamu,

nnucìti la freccia ca a ncaccia ne sciamu,

e crai a lla sira, ci li sordi cujimu,

nu filmi all’Aurora scià ne vadìmu!”


Serate estive

Che nostalgia, quelle sere d’estate/ che, ragazzo, con gli amici ho passato,/ vicino al mulino seduti per terra/ con i meloni giocando alla guerra./ La polpa migliore mangiavamo,/ le scorze, invece, in faccia ci buttavamo,/ infine in mezzo a tutta quella marmaglia,/ il posto pareva un campo di battaglia./ Con l’aria fresca e con una bella luna/ usciva il discorso sulla bionda e sulla bruna,/ una era molto bella ma grandese/ un’altra più terra terra ma cortese./ “La figlia del tale va alla maestra/ ma confidenza proprio non ne mostra,/ passa sempre dalla cuscupiana (un luogo)/ forse è meglio usare una ruffiana.”/ “Se vuoi mandarlo a dire alla Rossana/ conviene fermarla alla fontana,/ la Rita con la corriera va a scuola/ certo lì puoi dirle una parola.”/ “Attenti ragazzi, che ho sentito voce/ che all’Antonietta di sotto la croce (un luogo),/ suo padre, che qualche cosa aveva intuito/ pare che l’abbia presa con lo scudiscio./ “C’è una ragazza a Salignano/ che muove i fianchi come spighe di grano,/ se la vedete il sangue non scorre,/ abita vicino alla torre.”/ “E quella di Leuca che sul Pontile/ va avanti e indietro per farsi vedere?/ gira un po’, si butta in mare/ poi se ne esce salendo le scale./ Sempre buttata sta sulla rena/ si atteggia proprio ad una sirena,/ il costume da bagno che è già striminzito/ se lo scende più sotto dell’ombelico./ Poi con la scusa che il sole deve pigliare/ a faccia in giù si va a sdraiare,/ il pezzo di sopra si leva poi pure/ ogni tanto si sistema muovendo il sedere.”/  “Secondo voi, facendo queste mosse,/ non è che tiene problemi di ossa?/ magari il medico che l’ha visitata/ la scoliosi alla colonna le ha trovato!”/ “Oh, povero fesso, non hai capito/ che quella va in cerca di trovarsi il ragazzo;/ quando una femmina sempre fa la posa/ va cercando lo sprovveduto che se la sposa!”/ “Si, ora ha parlato il dongiovanni,/ ne ha fatte tante in questi anni,/ quanta esperienza hai accumulato/ sempre rimasto sei… bidonato.”/ “Senti chi parla, sei ancora un angioletto,/ quelle son furbe, che ti credi, bello?/ che perdono tempo tanto per fare?/ ciò che cercano lo devono trovare!”/ Mmeh, sempre di femmine dobbiamo parlare?/ andiamocene a casa che ancora dobbiamo cenare,/ meno male che domani non mi devono interrogare/ se no ora che torno dovrei pure studiare./ Sentite, domani pomeriggio di nuovo qui ci troviamo,/ portate la fionda che a caccia ce ne andiamo,/ e domani a sera, se i soldi raccogliamo,/ un film all’Aurora andiamo a vedere.”